Malagrotta: la punta d'icerberg di una politica sbagliata durata troppo tempo...

Posted On // 1 comment
Con Massimiliano Iervolino, Michele Governatori, Josè De Falco e gli inviati di Radio Radicale siamo stati oggi pomeriggio a Malagrotta. Tra la discarica e gli impianti di Trattamento meccanico-biologico.

****

RIFIUTI:VISITA RADICALI A MALAGROTTA;AUMENTARE DIFFERENZIATA. DISCARICA PUNTA D'ICEBERG DI POLITICA SBAGLIATA.

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Una linea di trattamento meccanico-biologico dei rifiuti che non viene utilizzata ma
soprattutto una discarica ''illegale'' che non rispetta le direttive europee. Questo l'allarme lanciato da una delegazione di esponenti del partito Radicale che questo pomeriggio ha visitato la discarica e gli impianti di Malagrotta. ''Abbiamo un impianto di Tmb che non funziona da tre anni - ha detto il radicale Massimiliano Iervolino - e una discarica, quasi in esaurimento, che continua ad essere illegale rispetto a cio' che ci viene detto di fare dall'Europa. La maggior parte dei problemi dei rifiuti nel Lazio e' legato a questioni economiche perche' il Comune di Roma preferisce conferire in discariche il talquale perche' costa circa la meta' rispetto ad un trattamento biologico dei rifiuti''. ''Malagrotta e' il problema di Roma - ha sottolineato il consigliere regionale della lista Bonino-Pannella, Rocco Berardo - ed e' la punta d'iceberg di una politica sbagliata che invece di differenziare butta i rifiuti nelle discariche''. La proposta per risolvere il problema rifiuti nel Lazio passa, secondo i Radicali, nell'aumento della differenziata: ''Dobbiamo fare in modo - hanno detto i radicali presenti alla visita - che la maggior parte dei rifiuti possa essere differenziata dagli stessi cittadini. Per questo serve incentivarla anche con l'uso di campagne di informazione. Si tratta di un problema soprattutto di raccolta''

1 commenti:

Michele Governatori ha detto...

Da martedì 1 febbraio, verso le 7.30, su Radio Radicale, 3 puntate di Derrick per raccontare la visita a Malagrotta con Rocco Berardo e gli altri, cercando di fornire un po' di dati utili raccolti sia in quell'occasione, sia da Arpa Lazio e dal lavoro giornalistico precedente.